Pubblicati da Andrea Petrini

, , ,

IGP: Castello Bonomi presenta l’Erbamat

Il nuovo autoctono franciacortino  Castello Bonomi, con sede a Coccaglio, ai piedi del Monte Orfano, con la sua estensione pari a 24 ettari di splendidi vigneti sviluppati a gradoni,  affonda le sue radici nel XIX secolo.  La tenuta, infatti, deve il suo nome all’edificio liberty di fine Ottocento commissionato dalla famiglia del rivoluzionario Andrea Tonelli, […]

, ,

VINerdì IGP: Perillo

Irpinia DOC Coda di Volpe 2012 Un vino che avevo dimentica in cantina, una “semplice” Coda di Volpe del 2012 che, contro ogni previsione, regala una bevuta da pelle d’oca grazie ad un naso che sa di agrumi, nocciola tostata, idrocarburo, tarassaco mentre al sorso risplende per nitore, spontaneità e per un finale sapido incrollabile. […]

,

VINerdì IGP: Tenuta di Saragano

 Sagrantino di Montefalco DOCG 2012 Non sono un amante del genere, soprattutto se bevuto in estate, ma questo Sagrantino di Montefalco, da viti piantate a 500 metri, la massima altitudine in tutto il comprensorio della DOCG, è assolutamente sorprendente per croccantezza di frutto, freschezza ed eleganza grazie ad una perfetta fusione del tannino all’interno del […]

,

VINerdì IGP: Isolabella della Croce

“Bricco del Falco” Pinot Nero Piemonte DOC 2014 A Loazzolo, nell’Alta Langa Astigiana, terra della più piccola DOC italiana, esiste un visionario ovvero quel Luigi Isolabella della Croce che ha capito perfettamente che il “suo terroir” gli permetteva di dar vita ad un pinot nero di eccellenza. Questo Bricco del Falco 2014 ne è la […]

, ,

IGP: La giovane Irpinia di Villa Raiano

“Terra fertile l’Irpinia, terra di acqua e di vino, figlia del Lupo, orgogliosa delle proprie tradizioni e della sua storia. Orgogliosa come noi che in questa terra, nella nostra terra, abbiamo deciso di portare avanti l’attività di famiglia”. Così si presentano Brunella e Federico Basso, la nuova generazione che prenderà col tempo le redini dell’azienda […]

,

VINerdì IGP: Cantina Emanuele Ranchella

AD DECIMUM 2018 Emanuele Ranchella, senza troppo clamori, ha dato vita a questo bianco (malvasia puntinata, trebbiano verde e trebbiano toscano) di affascinante aderenza territoriale grazie ad una prorompente sapidità gustativa che richiama il territorio vulcanico dei Castelli Romani che finalmente vengono valorizzati e non svenduti con prodotti commercialmente infimi. Evviva! Andrea Petrini

, , ,

IGP: SanVitis: nuova linfa nel vino del Lazio

Il Lazio, fortunatamente, negli ultimi tempi sta cercando di reagire ad una certa “staticità enologica” che lo ha caratterizzato per anni grazie ad un forte passaggio generazionale che ha portato tanti giovani alla guida delle aziende vitivinicole di famiglia gestite un tempo dai loro padri. Non solo. Questo nuova dinamicità del comparto vitivinicolo del Lazio […]

,

VINerdì IGP: Simone Scaletta

Langhe Nebbiolo D.O.C. Autin ‘d Madama 2007  Una bottiglia, un ricordo, il mio primo viaggio nella Langhe. Autin ‘d Madama 2007 ha subito tre traslochi, è rimasto in cantina per anni, senza troppe coccole. Lo apro, a sorpresa è ancora splendido nei suoi terziari appena accennati, puro succo di Monforte d’Alba, la terra dove vive […]