, ,

Librandi lascia il “Segno”

Durante l’ultimo Vinitaly, Librandi, una tra le più importanti cantine calabresi, ha presentato una nuova linea di vini tutta dedicata alla Doc Cirò.

Tre vini, uno bianco, uno rosa ed uno rosso connotati dal logo “Segno Librandi” e dall’etichetta simile (cambia unicamente il colore).

Naturalmente li abbiamo assaggiati, eccovi quindi il nostro pensiero:

 – Cirò “Segno” Bianco 2018
Greco bianco in purezza, da vigneti situati a Cirò, Cirò Marina e Crucoli, su suoli argilloso-calcarei, Sistema d’allevamento a cordone speronato con resa di 65 Hl/ettaro.
Vinificazione in acciaio.

Dal color verdolino scarico, luminoso.
Bel naso, intenso, fruttato, con sentori di pesca bianca e gialla.
Pulito e succoso alla bocca, morbido e sapido, con un bel frutto ed una buona persistenza.

Cirò “Segno” Rosato 2018
Le uve, Gaglioppo in purezza, provengono da vigneti situati a Cirò, Cirò Marina, Crucoli e Melissa, su suoli di natura argillosa-calcarea, allevati in parte ad alberello ed in parte a cordone speronato, con resa di 65 Hl/ettaro.
Vinificazione in acciaio con tecnica del salasso.

Color rosa-aranciato scarico, tendente al ramato.
bel naso, intenso, presenta sentori di tabacco e piccoli frutti rossi, leggera nota pungente (probabilmente dovuta al recente imbottigliamento).
Dotato di buona struttura, morbido e sapido, ritroviamo i sentori di piccoli frutti, lunga la persistenza.

Cirò “Segno” Rosso 2017
Gaglioppo in purezza da vigneti situati a Cirò e Cirò Marina su suoli argilloso-calcarei, allevati in parte ad alberello ed in parte a cordone speronato, con resa di 65 Hl/ettaro.
Vinificazione in acciaio.

Color granato scarico.
Intenso al naso dove si colgono note autunnali, di sottobosco e di frutto rosso macerato.
fresco e succoso, leggermente asciutto, con buona vena acida e tannino delicato, buona la persistenza.
Lorenzo Colombo