Lorenzo Colombo Blog Io e il vino
,

Bevi Breganze

e501_banner1Breganze è un comune di poco meno di novemila abitanti situato a nord di Vicenza, sulle prime colline, famoso tra l’altro per avere uno tra più alti campanili d’Italia.
Il comune da nome all’omonima Doc che s’estende anche s’una decina di comuni vicini, spingendosi a nord-est sino a Bassano del Grappa.
Il suo vitigno tipico è la Vespaiola, diffuso praticamente nella sola provincia di Vicenza, dove se ne contano meno d’un centinaio d’ettari.
Il vitigno viene utilizzato nella Doc Breganze per la produzione del Vespaiolo, un vino bianco, fresco, tagliente, verticale, dotato di spiccata acidità e del Torcolato, un vino passito ottenuto da grappoli solitamente appesi in fruttai ventilati.
Due gli eventi dedicati ogni anno alla Vespaiola: la “Prima del Torcolato” che si tiene solitamente in gennaio, e che prevede la prima spremitura in piazza dei grappoli appassiti e la “Vespaiolona” che si tiene nel mese di giugno, definita anche la “Notte Bianca” di Breganze, dove le cantine del paese rimangono aperte sino a notte inoltrata richiamando migliaia d’appassionati.

Lo scorso 10 ottobre erano presenti a Milano, presso l’Hotel Westing Palace, per l’evento BEVI BREGANZE, dodici aziende con numerose tipologie di vino, infatti il disciplinare della Doc Breganze ne prevede ben quindici: Bianco, Tai, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Chardonnay, Sauvignon Vespaiolo, Vespaiolo Spumante, Rosso, Merlot, Cabernet, Cabernet Sauvignon, Pinot Nero, Marzemino e Torcolato.
I più rappresentativi rimangono comunque il Torcolato ed il Vespaiolo, e la nostra attenzione si è posta su quest’ultima tipologia, assaggiando tutti i campioni presenti.

Ecco quanto più c’è piaciuto:

Doc Breganze Vespaiolo
(tutti i vini sono dell’annata 2015, se non diversamente specificato)
Due i vini che andiamo a collocare al vertice della nostra personale classifica, molto diversi tra loro, ma accomunati da un’eleganza ed una finezza davvero notevoli ed inoltre (questa è una pura curiosità) dalla zona di provenienza (Bassano del Grappa), si tratta di:

– “Angarano bianco” – Villa Angarano – Bassano Del Grappa
Buona l’intensità olfattiva, note vegetali, buccia e polpa di mela.
Fresco, minerale, sapido, verticale, con spiccata vena acida e lunghissima persistenza.

e

Vignasilan” Superiore 2013 (in commercio da dicembre 2016) di Vignaioli Contra’ Soarda di Mirco Gottardi – Bassano Del Grappa
Di buona intensità olfattiva, elegante, pesca gialla matura e note tropicali.
Di buona struttura, morbido, complesso ed elegante, note mielose, leggero residuo zuccherino.

Molto interessanti anche i seguenti vini:

Miotti Firmino Az. Agr. – Breganze
Non molto intenso al naso ma elegante, fine, delicato.
Alla bocca troviamo un vino verticale, sapido e con una bella vena acida, forse un poco magro, buona la sua persistenza. L’abbiamo preferito al naso.

Ca’ Biasi di Dalla Valle Innocente Az. Agr. – Breganze
Intenso al naso, fruttato (pesca gialla), agrumato, pulito, con note floreali (fiori d’acacia) e di miele.
fresco al palato, di discreta struttura, sapido e con bella vena acida, buona la persistenza.
L’abbiamo trovato più espressivo al naso.

Col Dovigo S.S. – Breganze
Di media intensità olfattiva, presenta sentori floreali/fruttati (pesca soprattutto).
Discreta al sua struttura, il vino è fresco e sapido ma contemporaneamente morbido, si colgono accenni d’erbe officinali, buona la sua persistenza.

– “Sulla Rotta del Bacalà” – Cantina Beato Bartolomeo da Breganze S.C.A. – Breganze
Bel naso, intenso e fruttato, con note floreali-mielose.
Sapido e fresco al palato, con bella vena acida, accenni vegetali e buona persistenza. Meglio al naso.

– Maculan Soc. Agr. – Breganze
Bel naso, pulito, elegante, frutta a polpa bianca ed accenni di confetto.
Mediamente strutturato, con bella vena acida, agrumato (citrino), note vegetali.

Io Mazzuccato – Breganze
Discreta l’intensità olfattiva, presenta leggere note vanigliate.
Di buona struttura e bella vena acida, note vanigliate e leggeri ricordi di legno, buona la persistenza.

La Costa Srl Soc. Agr.(Superiore)- Sarcedo
Frutta matura al naso, leggere note macerative, buccia d’uva e di mela.
Media la su struttura, note tanniche e vegetali, buccia di mela, chiude leggermente amarognolo.

Vitacchio Emilio – Breganze
Buona l’intensità olfattiva, note floreali, accenni confetto e di pesca.
Asciutto, un poco magro, vegetale, note tanniche.

Tra gli altri (non molto per la verità) vini bianchi assaggiati andiamo a citare:

– “Ca’ Michiel” Veneto Chardonnay Igt 2012 – Villa Angarano
Intenso al naso, con note vanigliate e boisé, legno dolce.
Buona la struttura, bel frutto maturo, note boisé decise ma non fastidiose, accenni mielosi.

– “Calumei” Metodo Classico Brut 2011- La Costa Srl Soc. Agr.
Naso di buona eleganza, ci colgono sentori d’agrumi e d’erbe officinali.
Decisa l’effervescenza al palato, sapido mediamente strutturato e dalla lunga persistenza.

– “Prime Bollicine” Spumante Charmat Extra Dry (Chardonnay 50%, Vespaiola 35%, Pinot Nero 15%) – Le Vigne di Roberto – Fara Vicentino
Intenso al naso, fragrante, pulito, fruttato.
Bella l’effervescenza al palato, morbido, pulito, fruttato (pesca), lunga la persistenza su buona e rinfrescante vena acida.

– “Bosco Grande” 2013 Vespaiolo Brut Metodo Classico – Cantina Beato Bartolomeo da Breganze
Pulito al naso, fresco, piacevole, accattivante.
Decisa l’effervescenza, asciutto, sapido, con accenni vegetali (quasi tannici), buona la persistenza.

– “Le Colombare” 2015 di Firmino Miotti (70% Riesling e 30% Tai)
Bel naso, elegante, intenso e pulito, fruttato e con note mielose.
Di buona struttura, fruttato, mandorlato, sapido, chiude leggermente vegetale con una buona persistenza. Meglio al naso.

– “Masiera” Brut (Charmat) 60% Pinot bianco e 40% Vespaiola – Vitacchio Emilio
Bel naso, fresco, fruttato, pulito, c on note dolci.
Buona l’effervescenza, fresco, fruttato, semplice e pulito.

– “Perlena” Vespaiolo Spumante Millesimato 2015 Extra Dry (Metodo Charmat) di Col Dovigo
Fresco, pulito, invitante al naso, con note floreali-fruttate (pesca).
Decisa l’effervescenza alla bocca, fresco, con buona acidità bilanciata dal residuo zuccherino, buona la persistenza.
Lorenzo Colombo
pubblicato in origine su www.vinealia.org