Carta dei Vini di Lombardia

Si è svolta lo scorso 27 gennaio presso l’Hotel Gallia la conferenza stampa di presentazione di un nuovo progetto di Ais Lombardia: il concorso “CARTA DEI VINI DI LOMBARDIA”. Presenti l’assessore regionale all’Agricoltura Luca Daniel Ferrazzi, il direttore Ascovilo Carlo Alberto Pannont e il presidente Ais Lombardia Luca Bandirali, il quale, spiegando il funzionamento di questa nuova iniziativa, ha ribadito l’importanza della presenza di vini lombardi nella carta dei vini dei ristoranti regionali.
Questo progetto ha quindi l’obiettivo di sensibilizzare la ristorazione regionale a riservare alla produzione enologica del nostro territorio una posizione di rilievo nella proposta al consumatore, mettendo in risalto la produzione enologica d’eccellenza lombarda, spesso poco valorizzata dalle carte dei vini dei nostri ristoranti.
Il concorso, al quale hanno già aderito un centinaio di locali, prevede che venga stilata un’apposita carta dei vini che abbia le seguenti caratteristiche: selezione di almeno dieci etichette provenienti da minimo tre zone vinicole lombarde differenti e segnalate nella Guida Viniplus®2010; indicazione dei seguenti dati: nome del vino / nome del produttore-annata-prezzo; indicazione dei vini serviti anche a bicchiere.
Ai ristoranti selezionati, verrà fornita un’apposita vetrofania che segnalerà al consumatore la certificazione ottenuta.

L’assessore Ferrazzi ha focalizzato il suo intervento sulla necessità di valorizzare maggiormente sul nostro territorio i prodotti agricoli lombardi, anche in funzione del notevole flusso turistico internazionale, che per diversi motivi frequenta la nostra regione, rimarcando che purtroppo, in Lombardia, abbiamo troppo spesso poco valorizzato i nostri prodotti agricoli, puntando maggiormente su altri settori produttivi.
Pannont ha fornito alcuni dati significativi in merito alla produzione agricola e vitivinicola lombarda; la Lombardia è la prima regione agricola italiana, e per quanto riguarda la produzione di vino è la quinta regione più premiata dalle diverse guide di settore. Nell’ambito nazionale Milano consuma circa il 20% del vino di qualità, che diventa oltre il 35% se estendiamo questo consumo all’intera Lombardia.

Prima del buffet, imbandito con la migliore produzione enogastronomica lombarda, sono stati assegnati i premi relativi al “Premio giornalistico Ascovilo 2009”, a coloro che si sono maggiormente distinti per il loro lavoro di promozione dei vini e dell’agroalimentare lombardo. Lorenzo Del Boca, presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, e Pietro Nera, produttore valtellinese, e vicepresidente Ascovilo, hanno conferito i premi, costituiti da una cantinetta per la conservazione dei vini, fornita dalla EuroCave, a Eliana Bellè, giornalista de Il Giorno, Luca Giannelli dell’Ansa e Gianluca Rossi di Telelombardia.
Dulcis in fundo, è stato conferito, da parte di Luca Bandirali, il titolo di sommelier onorario all’assessore Luca Ferrazzi.
Lorenzo Colombo
 

pubblicato in origine su www.vinealia.org

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.