Pubblicati da Stefano Tesi

,

VINerdì IGP: Chianti Classico 2017 Pomona

Ecco un vino che, anche in un’annata calda e siccitosa, sa mantere il nerbo vibrante e spigliato della sua produttrice, Monica Raspi, vignaiola in quel di Castellina: un naso vivo e quasi croccante, una bocca corposa ma agile ed elegante, con un finale godibile e finissimo. Da bere con levità e attenzione. Stefano Tesi

,

Garantito IGP: Un pecorino in roulotte

Non c’è nulla di meglio, per esprimere un giudizio equanime, che approcciarsi a qualcosa verso cui non hai particolari aspettative né pregiudizi. Qualcosa che, in altre parole, ti aspetti “normale”. E’ in questo modo che giorni orsono mi sono avvicinato a un formaggio che avevo in dispensa da qualche settimana. Chi lo aveva assaggiato mi […]

,

VINerdì IGP: La Lupinella

Trebbiano Toscano IGT 2018 L’estate sta finendo e bisogna cogliere l’attimo con questo Trebbiano bio da vecchie vigne, fatto in terracotta. Bel colore paglierino, naso vibrante,varietale, pieno di screziature e di richiami al fieno, all’insilato, al prato estivo. Tutte sensazioni che tornano a lungo in bocca, con una sapidità perfetta per la malinconia di fine […]

,

IGP: Un girarrosto che non le fa girare

Sarà anche una questione anagrafica, ma adoro quei posti – nel senso di bar, trattorie, ristoranti – rimasti come negli anni ’70 o quasi. Quei posti di periferia o di provincia che, anche quando ebbero la velleità di rimodernare la vetusta osteria fondata dal nonno, rinacquero comunque demodè, perché ispirati a stili “moderni” già un […]

, ,

VINerdì IGP: Pardi

Montefalco Rosso Riserva DOC 2016 E’ da pazzi bersi un rosso strutturato, e per di più di Montefalco, quando fuori ci sono 35°? No, se è servito alla giusta temperatura e se, come questo, al naso caldo e traboccante di note di ciliegia sovramatura si somma un palato lungo e ampio ma composto, gradevole, quasi […]

, , ,

IGP: Butussi

Uno strike conviviale post lockdown  Durante i difficili giorni del lockdown ho avuto l’opportunità di assaggiare con calma parecchi campioni dei vini più disparati. Difficile, in effetti, trovare circostanze più favorevoli per una degustazione: forzata tranquillità ed isolamento, pochi telefoni e campanelli che suonano, minime distrazioni e incombenze. La pace forzata indotta dal virus mi […]

,

VINerdì IGP: Girolamo Russo

‘a Rina 2017 Etna rosso doc  Sono confesso (ma non reo!): amo i rossi dell’Etna e il Nerello Mascalese. E questo (con anche un 5% di Nerello Cappuccio) ha tutte le caratteristiche per farsi amare: è bio, ha un bel colore rubino appena scarico, il profumo fresco, fruttato ed esplosivo delle ciliegie precoci, una bocca […]

,

VINerdì IGP: Ivan Gallo

Dogliani Superiore Vigna Garino 2014  Gli anni lo hanno spogliato quasi del tutto dei riflessi violacei e dei tannini più aggressivi, donandogli un colore profondo e lasciandone integra l’inconfondibile nota varietale. Al naso è invece denso e rabarbaroso, in bocca ha l’ampiezza neghittosa e un po’ rustica di un vino da contadino piemontese. Eppure piace […]

,

IGP: Ristorante Tre Cristi

Lo ammetto e chi mi conosce lo sa bene: amo i ristoranti rassicuranti, dove trovi quella sobrietà familiare, quasi domestica, che solo gli ambienti a lungo frequentati, o contraddistinti da uno stile pacato, poco chiassoso, quasi che una patina d’antico li avvolgesse come un vecchio mobile di casa sopravvissuto a tante generazioni, sanno dare. Senza […]